Uber, rubati i dati di 57 milioni di clienti. L’azienda ha pagato un riscatto

Ad ottobre del 2016, sono stati rubati i dati di clienti e autisti di tutto il mondo. In particolare, sono stati hackerati nomi, email e numeri di telefono degli utenti, oltre ai numeri di patente dei conducenti. I dati di 57 milioni di clienti di Uber sono stati piratati, ma la multinazionale per il trasporto privato lo ha tenuto nascosto per un anno preferendo pagari…

Data Protection Officer: perché serve una figura autonoma e indipendente

Data Protection Officer: perché serve una figura autonoma e indipendente di Andrea Lisi, avvocato, Presidente ANORC Professioni; Direttore Master Unitelma La Sapienza 01 Set 2017 L’autonomia decisionale e l’estraneità del DPO rispetto alla determinazione delle finalità e delle modalità del trattamento sono mezzi di fondamentale importanza per restituire agli interessati quella sovranità sulla circolazione dei propri dati. fonte: https://www.agendadigitale.eu/sicurezza/data-protection-officer-perche-serve-una-figura-autonoma-e-indipendente/

Guida all’applicazione del Regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali

La Guida intende offrire un panorama delle principali problematiche che imprese e soggetti pubblici dovranno tenere presenti in vista della piena applicazione del regolamento, prevista il 25 maggio 2018. Attraverso raccomandazioni specifiche vengono suggerite alcune azioni che possono essere intraprese sin d’ora perché fondate su disposizioni precise del regolamento che non lasciano spazi a interventi del legislatore nazionale (come invece avviene per altre norme del…

Relazione del Garante della Privacy, anno 2016

La Relazione traccia il bilancio dell’attività svolta nel 2015 e indica le prospettive di azione verso le quali l’Autorità intende muoversi, con l’obiettivo di assicurare una efficace protezione dei dati personali, innanzitutto on line e rispondere alle sfide poste dai nuovi modelli di crescita economica e alle esigenze di tutela sempre più avvertite dalle persone. http://194.242.234.211/documents/10160/0/Relazione+annuale+2016+-+Il+testo

Cloud computing, responsabile per la privacy chi gestisce la conservazione dei documenti

Cloud computing, responsabile per la privacy chi gestisce la conservazione dei documenti

Strumento fondamentale di lavoro nel mondo digitale, il cloud computing rappresenta un modello flessibile ed economico per la fornitura di servizi Ict. Il cloud computing è l’infrastruttura Parafrasando la definizione dell’Agenzia per l’Italia digitale (Agid), il cloud abilita un accesso più agevole ad un insieme di risorse condivise (risorse fisiche di rete, di storage e di processamento, servizi e applicazioni finali) attraverso tecnologie basate su…

La scuola a prova di privacy

La scuola a prova di privacy


La nuova guida del Garante per la protezione dei dati personali, per “insegnare la privacy e rispettarla a scuola“ Si possono pubblicare sui social media le fotografie scattate durante le recite scolastiche? Le lezioni possono essere registrate? Come si possono prevenire fenomeni come il cyberbullismo o il sexting? Quali accortezze adottare nel pubblicare le graduatorie del personale scolastico? Ci sono cautele specifiche per la fornitura…

Informazioni commerciali: in vigore il Codice deontologico

Informazioni commerciali: in vigore il Codice deontologico

Dal 1° ottobre 2016 il “Codice di deontologia e di buona condotta per il trattamento dei dati personali effettuato a fini di informazione commerciale”, è entrato in vigore. Promosso dal Garante per la protezione dei dati personali e redatto insieme a varie associazioni di categoria, imprenditoriali e dei consumatori interessate. Da domani, le società che offrono informazioni sull’affidabilità commerciale di imprenditori e manager dovranno conformare il…

Garante Privacy: nel 1° semestre 2016 1,9 milioni di euro di sanzioni

Garante Privacy: nel 1° semestre 2016 1,9 milioni di euro di sanzioni

Il telemarketing e l’attività dei call center; i trattamenti dei dati effettuati dai patronati relativamente al 730 precompilato; le concessionarie di giochi on line; alcuni sistemi informativi dell’Istat; le società che si occupano di ristrutturazione del debito. Sono questi alcuni dei settori che verranno interessati dall’attività di accertamento del Garante per la protezione dei dati personali nei prossimi mesi. Nelle scorse settimane l’Autorità ha varato…

Privacy: “Internet delle cose”,  utenti poco tutelati

Privacy: “Internet delle cose”,  utenti poco tutelati

I risultati dell’analisi internazionale svolta dalle Autorità garanti della privacy di 26 Paesi per il “Privacy Sweep 2016” Su oltre trecento dispositivi elettronici connessi a Internet – come orologi e braccialetti intelligenti, contatori elettronici e termostati di ultima generazione – più del 60% non ha superato l’esame dei Garanti della privacy di 26 Paesi. E’ quanto emerge dall’indagine a tappeto (“sweep”), a carattere internazionale, avviata…